Home Page - BLOGBUSTER - cinema e musica
mail forum
 
\\ Home Page
Benvenuti su Blogbuster


Recensioni
 
Di Angie (del 14/05/2018 @ 05:00:00, in cinema, linkato 26 volte)
Titolo originale
Hidden Figures
Produzione
USA 2017
Regia
Theodore Melfi
Interpreti
Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kevin Costner, Kirsten Dunst
Durata
127 Minuti

Siamo in Virginia, segregazione degli anni Sessanta, dove la legge non permette ai neri di vivere insieme ai bianchi. Uffici, toilette, mense e sale d'attesa sono separati: da una parte i bianchi e dall'altra i neri. La Nasa non fa eccezione. I neri hanno i loro bagni relegati in un'area dell'edificio lontano da tutto e sono considerati una forza lavoro di cui disporre a piacimento. Qui inizia l'incredibile storia di tre donne amiche e colleghe afro-americane nel'61 alle prese con la questione razziale: Katherine Johnson (Taraji Henson), Dorothy Vaughn (Octavia Spencer), e Mery Jackson (Janelle Monae). Sono tre grandi scienziate, prodigi della matematica, che lavorano alla Nasa e hanno collaborato a una delle più grandi operazioni della storia: il lancio in orbita dell'astronauta John Glenn. Allora fu un risultato sorprendente riportando fiducia alla Nazione Statunitense segnando una svolta nella corsa verso la conquista dello spazio. La matematica Katherine continuò a lavorare alla Nasa e fu colei che in seguito calcolò anche le traiettorie delle missioni Apollo11 e Apollo 13. All'inizio per le tre scienziate fu molto duro il loro ingresso alla Nasa. La loro competenza fu continuamente messa in discussione a causa di essere donne e del colore della loro pelle. Le tre donne nonostante aver dimostrato la loro bravura non hanno il diritto di firmare le scoperte e non viene riconosciuto il lavoro svolto dagli ingegneri bianchi con cui collaborano. Ma alla fine riusciranno imponendo il loro talento e la loro astuzia a vincere l’arroganza dei colleghi e superiori: come il direttore del progetto spaziale Al Harrison (interpretato dal bravo Kevin Costner), che poi si batterà per l'abolizione della segregazione all'interno degli uffici.
“Il diritto di contare” film di Theodore Melfi (già regista di St. vincent) è basato sul libro “Hidden Figures” di Margot Lee Shetterly, che è anche il titolo originale del film. Racconta tre storie personali, tre donne nere che negli anni sessanta diedero un rivelante contributo alla cosiddetta “corsa nello spazio” e alle prime missioni spaziali della Nasa. Il film ha ottenuto 3Candidatureai Premi Oscar, 3 candidature a Golden globes e 1 candidatura a bafta. Che dire del film? Innanzitutto un buon cast. Ottime le interpretazioni da parte di tutti gli attori, in modo particolare superlative le tre attrici. Pellicola interessante e coinvolgente dall'inizio alla fine. Un tema sempre caldo e sensibile delle grandi battaglie del popolo nero per vincere l'uguaglianza razziale raccontata in modo senza esagerare.
Le storie vere, fatti realmente accaduti mi appassionano sempre e, questa in modo particolare perché non la conoscevo ancora. Le tre attrici (a mio parere) sono state strepitose, hanno recitato in un modo che solamente chi sente profondamente sua la storia che sta raccontando è in grado di fare. Ciò che più mi ha colpito della sua visione è il fatto che tutto avviene alla Nasa, cattedrale della scienza, dove menti geniali proiettate al futuro, si dimostrano tarde ed ottuse nell'accogliere tre brillanti scienziate molto brave nel loro lavoro solo perché sono donne e afro-americane. In conclusione è una bella storia che valeva la pena di essere raccontata e vista.
Un consiglio: se avete l'opportunità dategli un'occhiata Merita!

Angie

 
Di Miryam (del 30/04/2018 @ 05:00:00, in libri, linkato 50 volte)
Titolo originale
 
Autore
Karin Slaughter
Editore
Harper Collins
Prima edizione
2017

Siamo in Georgia in una tranquilla e pacifica cittadina, precisamente a Heartsdale.
Qui non succede mai niente di sconvolgente fino a quando una sera in un bar, viene trovato un corpo ancora agonizzante di una giovane professoressa non vedente, la signorina Sybil Adams che altro non è che la sorella dell’agente di polizia, la detective Lena Adams.
Il corpo brutalmente mutilato, è stato rinvenuto da Sara Linton, pediatra e medico legale della città, la quale, ha cercato in tutti i modi di salvare Sybil, purtroppo però le gravi ferite inferte e le convulsioni non hanno dato scampo alla giovane insegnante.
Il capo della polizia locale incaricato allo svolgimento delle indagini è l’ex marito di Sara, Jeffrey Tolliver, il quale si trova davanti un caso assai complicato e difficoltoso. Difatti l’autopsia rivela dei risvolti macabri ed inquietanti, il killer è un individuo spietato, freddo, calcolatore, infatti per compiere quell’efferato omicidio ha drogato, violentato e marchiato la vittima con una croce incisa sul petto.
Perciò, il caso diventa sempre più difficile, non solo, pochi giorni dopo viene trovata un’altra vittima, si tratta anche qui di una giovane donna, stavolta crocifissa, quindi per la polizia è che si tratta di un killer psicopatico e probabilmente di un fanatico religioso.
In tutto questo caos dove la polizia vaga nel buio, da una parte troviamo la sorella della vittima che vuole farsi giustizia da sola, dall’altra invece c’è Sara che deve fare i conti con un segreto legato al suo passato che nemmeno il suo ex marito ne è al corrente, segreto che potrebbe essere la chiave per fermare l’assassino, ma potrebbe anche mettere in pericolo la sua stessa vita.
La Morte è Cieca “macabro e interessante libro con una trama intricata e un finale per niente scontato, è stato scritto da una giovane autrice, Karin Slaughter . È stata soprannominata la regina del thriller, devo dire che è un titolo azzeccato, i crimini citati del romanzo sono molto cruenti, fanno venire i brividi associati al mal di stomaco. Ha dato ai personaggi molto spazio, infatti riescono a far conoscere al lettore gran parte delle loro vite private e intime.
Traendo le conclusioni, promuovo a pieni voti questa autrice e credetemi la frase impressa nel libro “Non leggetelo quando siete soli, non leggetelo quando è buio, ma leggetelo” è una frase veritiera, detta poi da me che amo questo genere….quindi vi consiglio la lettura, verrete veramente coinvolti nelle indagini.

Miryam

 
Di Asterix451 (del 16/04/2018 @ 05:00:00, in cinema, linkato 74 volte)
Titolo originale
Ready Player One
Produzione
USA 2018
Regia
Steven Spielberg
Interpreti
Tye Sheridan, Olivia Cooke, Ben Mendelsohn, T.J. Miller, Simon Pegg.
Durata
140 Minuti

Nel 2045 la terra è un pianeta sopraffatto dall’inquinamento e dalle guerre. In America, le classi più povere vivono nelle “cataste”, quartieri di case-container impilate in verticale, dove le persone sfuggono alla miseria rifugiandosi in una piattaforma virtuale globale chiamata “Oasis”. Quando il suo creatore muore, l’eccentrico miliardario James Halliday (Mark Rylance), viene diffuso sulla piattaforma il suo testamento, che poi è una sfida ai giocatori di tutto il mondo. Infatti Halliday istituisce “Il gioco di Anorak”, aperto a chiunque, mettendo in palio la presidenza di “Oasis” e un patrimonio in dollari.
Wade Watts (Tye Sheridan) è un adolescente che vive nelle cataste a casa della zia e del suo spregevole compagno. Rimasto orfano di entrambi i genitori, le sue uniche speranze per il suo futuro sono legate all’eredità di Halliday. Nei panni di Parzival, l’avatar con cui si logga a “Oasis”, Wade sta cercando disperatamente di vincere la sfida per la prima chiave di Anorak: ce ne sono tre e sono milioni i contendenti da sfidare, fino al giorno in cui, sulla griglia di partenza della prova, Parzival incontra la famosa Art3mis (Susan Cooke)… da quel momento, per lui, non esiste nessun altro.
Ma per tutti gli altri gli interessi in ballo sono enormi e sono davvero disposti a tutto pur di garantirseli. A cominciare dalla IOI, multinazionale leader nella produzione di hardware per aumentare la realtà sensoriale di “Oasis”.
Quasi vent’anni dopo “Artificial Intelligence”, Steven Spielberg torna a confrontarsi con il tema del rapporto uomo-macchina come evoluzione dell’esistenza, portando sullo schermo il romanzo “Player One” di Ernest Cline. Cline è un appassionato di cinema, videogiochi e internet che negli anni ha sviluppato soggetti, sceneggiature e un paio di romanzi. Non so quanto sia famoso in America e quanto lo possa diventare adesso, ma il suo lavoro è tanto interessante quanto… già visto?
Ready player one” non ha la profondità filosofica di “Artificial Intelligence” e punta all’intrattenimento di un vasto pubblico. Il punto di forza sono le citazioni di opere celeberrime, talmente frequenti da dare l’impressione di guardare più film allo stesso tempo. A volte la revisione delle situazioni è talmente geniale da diventare originale: infatti, strizzando gli occhi a “Ritorno al futuro” e rivivendo “Shining”, sull’idea di “Suckerpunch” come vittoria nel mondo reale attraverso il gioco si evade attraverso degli avatar (che non sono proprio quelli di “Avatar”) per vivere oltre i limiti di un corpo umano. No, non è “Il mondo dei replicanti”, ma ti sa di quello, come tutto sa di “Matrix” con un pizzico di “Tron”. E se da una parte le citazioni sono talmente palesi da trasformarsi in “omaggi, tributi”, dall’altra ci si domanda perché questo film debba essere così geniale e migliore degli altri.
Certamente Spielberg conferma la sua maestria dietro alla macchina da presa, e il cast riesce a conquistare i cuori del pubblico. Tye Sheridan e Olivia Cooke faranno innamorare i loro coetanei come noi ci innamorammo di Jennifer Connelly e River Phoenix, volando sulle note di Alan Silvestri, che ha curato la colonna sonora. Interessante (ed educativo) Mark Rylance nei panni di Halliday, che per Spielberg già diede il volto e un’anima al Grande Gigante Gentile.
Un film buono, di grande impatto visivo, che ripropone tutto il pathos delle opere più viste e amate dal pubblico; un omaggio agli amici di Spielberg che ricostruirono Hollywood negli anni ’70, regalandoci un nuovo cinema per sognare.
Dubito che segnerà un nuovo punto di inizio della cinematografia di genere, ma credo ne riassuma i contenuti in maniera spettacolare. Sconsigliato solo a chi non vuol sentir parlare di realtà virtuale, internet e computer (alcune sequenze potrebbero esser fatali).

Asterix451

 
Di Angie (del 09/04/2018 @ 05:00:00, in cinema, linkato 193 volte)
Titolo originale
Beata ignoranza
Produzione
Italia 2017
Regia
Massimiliano Bruno
Interpreti
Marco Giallini, Alessandro Gassman, Valeria Bilello, Carolina Crescentini,
Durata
102 Minuti

Ernesto (Marco Giallini) e Filippo (Alessandro Gassman) due professori di liceo si conoscono da una vita, ma non si vedono da 25 anni. A dividerli è stato l'amore per la stessa donna, Marianna (Carolina Crescentini), e la nascita di una figlia, Nina (interpretata da Teresa Romagnoli). Ora si sono ritrovati ad insegnare nello stesso liceo e nella stessa classe: uno insegna italiano e l'altro matematica. Sono molto diversi tra loro e si detestano per il modo di gestire il rapporto con le alte tecnologie.
Il primo Ernesto, è austero e tradizionalista, orgogliosamente refrattario all'uso della rete. Il secondo, Filippo, è invece un allegro progressista, perennemente connesso al Web, vive di selfie, seduttore seriale di colleghe e studenti che adorano la sua spensieratezza. Ma la giovane Nina figlia di entrambi, padre Filippo e padre biologico di Ernesto, coinvolgerà i due amici-nemici in un esperimento: Filippo dovrà uscire dalla Rete ed Ernesto entrarci. Quando i ruoli vengono scambiati i due capiranno che c'è del buono in entrambi i modi di vivere e, che per affrontare la vita e rimanere a passo con i tempi è bene trovare un equilibrio tra le due realtà: la cultura e la rete.
Il regista Massimiliano Bruno, con questo romanzo di formazione di due uomini alle prese con le proprie responsabilità di padri ed educatori al tempo dei social network porta sullo schermo il suo quinto film: “Beata Ignoranza”. Una commedia con protagonisti due grandi attori, Alessandro Gassman e Marco Giallini che hanno già lavorato insieme nel film “Se Dio vuole” (2015) di Eduardo Falcone. Il film ha ottenuto 3 candidature ai Nastri D'Argento per il miglior soggetto e attore protagonista (Gassman e Giallini) La commedia racconta le vicende di due nemici-amici insegnanti di liceo che si sfidano su una problematica attualissima: è giusto o no questa dipendenza dai social network?
E noi come siamo come Giallini o come Gassman? Comunque siamo, il film ci porta a farci guardare allo specchio senza troppe pretese, rimorsi o rimpianti. Che dire? L’ho trovata una pellicola divertente con protagonisti molto simpatici, nel raccontare una storia mescolata con dosi di sentimento e qualche sorriso intrattenendo lo spettatore in maniera gradevole, senza appesantire di troppa retorica. Inoltre, anche se può sembrare un filmetto da poco conto, se si analizza bene la trama affronta temi abbastanza interessanti con spunti di riflessioni come: il significato di amicizia e il concetto di padre e il suo ruolo.
In conclusione se volete trascorrere due ore spensierate è il film ideale per voi giovani e adulti.

Angie

 
Di Miryam (del 26/03/2018 @ 05:00:00, in libri, linkato 117 volte)
Titolo originale
 
Autore
Saul Black
Traduzione
T. Biancardi
Editore
Mondadori
Prima edizione
2016

Nelle sperdute montagne del Colorado, in una villetta isolata, troviamo una giovane donna che sta preparando dei biscotti per l’ormai vicino Natale.
Al piano di sopra, c’è il figlio adolescente di tredici anni che sta ascoltando musica con le cuffiette all’orecchie e nel sottostante giardino, la figlia più piccola Nell che sta giocando tranquilla nella neve. Ad un certo punto, Rowena Cooper, questo è il nome della donna, si rende conto di quanto sia sempre stata incosciente a lasciare la porta di casa non chiusa a chiave, troppo tardi, due uomini armati di fucile e coltello irrompono nella villetta. Alla giovane mamma altro non resta da fare che urlare alla figlioletta di scappare più velocemente possibile.
Nel giro di poco tempo, Rowena e suo figlio, moriranno torturati in modo spietato e macabro dagli assassini.
Nell invece si troverà a vagare sola nelle montagne innevate del Colorado riuscendo però a far perdere le sue tracce ai due serial killer, perché ormai è di questo che si tratta. Qui entra in scena la detective Valerie Hart che con la sua squadra di agenti dell’FBI, sta già indagando su questi due assassini, infatti i due, che da subito l’autore ci ha fatto conoscere i nomi, Xander King e Paulie, hanno già all’attivo sette omicidi, sette giovani donne, sequestrate, stuprate e barbaramente uccise in città diverse, trasportate poi in altri stati.
Questa coppia seriale ha un modus operandi stravagante che lì per lì non sembra avere una logica. Nei corpi delle vittime inserisce strani oggetti, forchette, volantini, seminando terrore e panico in gran parte degli Stati Uniti. Ben presto Valerie giungerà ad una svolta delle indagini dove la piccola Nell, sperduta ancora nelle montagne, le sarà di grande aiuto.
La Lezione” è il primo romanzo pubblicato in Italia di Saul Black, pseudonimo di Glen Duncan che con il romanzo “Lucifero” nel 2002 incominciò a farsi conoscere proseguendo poi nel 2011 con “L’Ultimo Lupo Mannaro”.
In questo thriller prevale molto l’originabilità del doppio serial killer, anche se uno fa da spalla all’altro, solo leggendolo si capirà il perché. Un romanzo con molte critiche positive, scritto con un ritmo assai incalzante che tiene il lettore con il fiato sospeso fino alla fine, inoltre vengono ben descritte le personalità dei due assassini alquanto diversi tra loro, ognuno con un passato di abusi.
Solo una cosa non mi è molto piaciuta e mi ha lasciato perplessa, ho trovato messa da parte la fuga della bambina, ma soprattutto il suo ritrovamento senza approfondire il legame con la mamma e il fratello. Diciamo che l’autore è stato un po’ “frettoloso”su questa parte del libro che andava, a parer mio, più approfondita.
Comunque, piacevole da leggere e per gli amanti del genere ne consiglio logicamente come sempre un’occhiata!!

Miryam

 
Di Namor (del 19/03/2018 @ 05:00:00, in cinema, linkato 253 volte)
Titolo originale
Aus dem Nichts
Produzione
Germania, Francia 2017.
Regia
Fatih Akin
Interpreti
Diane Kruger, Denis Moschitto, Johannes Krisch, Samia Muriel Chancrin, Numan Acar.
Durata
100 Minuti

La morte del marito Nuri e del figlioletto Rocco, dovuto ad un attentato di matrice terroristica stravolge per sempre la vita di Katja (Diane Kruger) che non si da pace per l’accaduto.
I colpevoli dell’infame gesto sono una coppia formata da marito e moglie affiliati ad un gruppo terroristico germanico denominato NSU (Nationalsolzialistichster Untergrund). Messi sotto processo i due spalleggiati dai commilitoni e da un avvocato palesemente simpatizzante alla loro causa, se la cavano con una piena assoluzione per mancanza di prove schiaccianti.
Katja dopo l’ennesimo dolore per la loro liberazione, decisa ad aver giustizia si mette sulle tracce della coppia che ben presto scova rifugiata in un’altra nazione convinti di averla fatta franca. Ma il corso della giustizia privata è ormai ben avviato dalla caparbietà di Katja che vuole vendetta.
Oltre la notte” diretto dal regista tedesco di origini turche Fatih Akin ispirato ai tragici fatti di cronaca terroristica avvenuti in Germania, mette in scena un buon film che gli vale il Golden Globe come miglior film straniero. Gran parte di tale premio va sicuramente riconosciuto alla bravissima Diane Kruger, che con una prova di alta recitazione premiata al Festival di Cannes come miglior attrice protagonista eleva il film oltre il voto della piena sufficienza.
Non vi nascondo che la mia scelta di vedere questo film è dovuto proprio alla presenza della Kruger, attrice da me molto apprezzata dopo averla vista recitare nella serie The Bridge.
Film non adatto a chi ama l’azione ma per chi predilige recitazione da nomination.

 Namor

 
Di Asterix451 (del 12/03/2018 @ 05:00:00, in cinema, linkato 215 volte)
Titolo originale
The 15:17 to Paris
Produzione
USa 2018
Regia
Clint Eastwood
Interpreti
Anthony Sadler, Alek Skarlatos, Spencer Stone, Jenna Fischer, Judy Greer.
Durata
94 Minuti

Francia, 2015.
Sul treno diretto a Parigi viaggiano 554 passeggeri. Uno di essi è un marocchino di 26 anni armato con fucile d’assalto, una pistola e una molotov: la sua intenzione è quella di attraversare il treno bersagliando i passeggeri in nome della Jihad, ma il destino (almeno questa volta) l’ha pensata diversamente…
Spencer, Alek ed Anthony sono amici dai tempi dell’infanzia. Teste calde, forse, a causa di situazioni familiari complicate, ma animati da una grande morale: fanno quello che possono, insieme, per sopravvivere al bullismo e a un sistema cieco ai reali bisogni dei ragazzi; d’altra parte, non è una novità della loro generazione. Nel delicato equilibrio della società americana tutto ciò fa sorgere il bisogno di imparare a combattere che, talvolta, conduce a un bene superiore.
Dalle battaglie con armi “soft air” che i tre organizzavano nel boschetto dietro casa, divenuti grandi in un clima di minaccia terroristica sempre più accesa, Spencer ed Alek decidono di arruolarsi mentre Anthony decide di proseguire gli studi: tre strade diverse che, per fortuna, non compromettono la loro amicizia; infatti, proprio per ritrovarsi, decidono di organizzare un viaggio in Europa. Un viaggio che, attraverso una concomitanza di coincidenze fortuite, li condurrà sul treno delle 15:17 diretto a Parigi.
Dopo “American Sniper” e “Sully”, Clint Eastwood torna al cinema con una storia vera di eroismo americano, come spesso è accaduto nella sua storia di cineasta: appassionato di storie vere, sa come raccontarle per appassionare il pubblico. Più volte ha osservato i personaggi della sua America che rappresentavano temi a lui cari (la musica, la politica, il west, lo sport e, oggi, l’eroismo), raccontando le loro storie in un film. Qualcuno lo accusa di propaganda, ma l’intelligenza, l’esperienza di vita e il coraggio di esprimersi prevalgono sempre (basti notare le differenze minime tra il libro e il film di “American Sniper”).
“Attacco al treno” è molto diverso dal teaser trailer: la maggior parte della trama si dedica a Spencer Stone, infermiere dell’esercito americano, ad Alek Skarlatos, fuciliere dei Marine, ed Anthony Sadler da quando erano ragazzi al loro viaggio in treno. Le loro storie fino all’attentato erano già state raccolte dallo scrittore Jeffrey Stern nel libro che Clint ha utilizzato come soggetto, chiamando a recitare i ragazzi nella trasposizione cinematografica. Oltre al coraggio in una situazione di crisi reale, premiato con una medaglia dello Stato francese, i tre ci sanno fare anche di fronte alla macchina da presa: sono perfetti per il cinema minimalista di Eastwood che, nonostante l’età, è ancora forte e impeccabile. La sequenza dell’attacco al treno è breve, introdotta poco a poco con brevi clip, fino a quando la narrazione in flashback “aggancia” quella del convoglio: la colluttazione è realistica, Clint ci mette la telecamera che serve ma lascia fare ai ragazzi, come fecero. Il destino ci mise la mano, e si salvarono tutti.
Il Maestro del cinema americano, forse l’unico degno erede di Sergio Leone, ha lasciato il cuore in Italia. In “Attacco al treno” ci torna volentieri insieme a Spencer, per ripercorrere parte del suo viaggio: una rappresentazione attraverso gli occhi di un americano, forse, dal quale trapela tutto il rispetto e l’affetto che quel vecchio pistolero conserva per il nostro paese.
Per me è promosso, cercando di essere imparziale (ma Clint è Clint). Gli amanti dello “sparatutto” lo troveranno lento, forse, e “sparapoco”, ma tutti gli altri apprezzeranno una storia intensa di persone che, in un momento di crisi, non sono rimaste a guardare.

Asterix451

 
Di Angie (del 14/02/2018 @ 05:00:00, in libri, linkato 202 volte)
Titolo originale
 
Autore
Angela Marsons
Editore
Newton Compton Editori
Prima edizione
2017

Il romanzo inizia con un prologo ambientato nel 2004 nella regione inglese della Black Country. Cinque persone si trovano intorno ad una fossa. A turno, ognuna di loro è costretta a scavare per dare sepoltura ad un cadavere. Si tratta di una piccola buca: il corpo non è quello di un adulto. Una vita innocente è stata sacrificata per siglare un oscuro patto di sangue. Il segreto che lega i presenti è destinato a essere sepolto sotto terra. Anni dopo, la direttrice di una scuola viene brutalmente assassinata: è solo il primo di una serie di agghiaccianti delitti che terrorizzeranno la regione di Black Country, in Inghilterra. Il compito di seguire e fermare questa orribile scia di sangue viene affidata alla detective Kim Stone, che è la protagonista di tutta la storia. Una donna con grinta dalla personalità e carattere forte che riesce a tenere testa a tutti gli uomini che si trova davanti. Ma sotto questa sua corazza apparentemente impenetrabile nasconde anch'essa un'anima tormentata da un passato per nulla semplice.
Durante il corso delle indagini vengono alla luce anche i resti di un altro corpo sepolto molto prima. La detective Kim intuisce che le radici del male vanno cercate nel passato e per fermare il Killer una volta per tutte dovrà confrontarsi con i propri demoni personali che, ha tenuto rinchiuso troppo a lungo....
Che dire di questo thriller d'esordio di Angela Marsons già scrittrice di racconti? Io che sono amante di questo genere, per me questo thriller “Urla nel Silenzio” (titolo originale “Silent Scream”) mi è piaciuto tantissimo. Devo dire che come ho iniziato ad avventurarmi tra le sue pagine non sono riuscita più a staccarmene fino a lettura ultimata. Trama avvincente, dal ritmo serrato che conquista il lettore fin dalle prime pagina. Personaggi di spessore, analizzati a dovere sia a livello psicologico che caratteriale. Giusta dose di mistero e suspense e, soprattutto il dubbio che ronza nella testa del lettore dall'inizio alla fine per intuire chi è l'assassino. Perché spesso volentieri quando leggiamo dopo un quarto di libro si inizia già ad intuire chi è il colpevole, invece qui non è così.
L’autrice, infatti, è stata in grado di tenere il lettore sulle spine fino alla fine. E non solo: oltre alla bravura della Marsons di non lasciare trapelare nulla, alla fine c'è un'ulteriore sorpresa per il lettore, un inaspettato colpo di scena.... L'ho trovata una lettura scorrevole che ha stupito fin dalle prime pagine, dal ritmo incalzante. Belli i personaggi, soprattutto fantastica (a mio parere) la detective Kim Stone aggressiva, tenace e tosta! Infine amo i capitoli brevi e questo mi ha soddisfatto in pieno! Come esordio è stato ben riuscito! Lo consiglio a chi piace questo genere.

Angie

 
Di Asterix451 (del 28/12/2017 @ 05:00:00, in cinema, linkato 280 volte)
Titolo originale
Blade Runner 2049
Produzione
USA 2017
Regia
Denis Villeneuve
Interpreti
Ryan Gosling, Harrison Ford, Ana de Armas, Sylvia Hoeks, Robin Wright
Durata
152 Minuti

Los Angeles, 2049.
L’agente “K” (Ryan Gosling) è un replicante addetto al ritiro di “lavori in pelle” difettosi: anche l’unità speciale “Blade Runner” si è evoluta, e ora sfrutta le macchine per eliminare quelle che tentano di ribellarsi all’uomo; spesso si tratta di androidi vecchio modello, schiavi mai riscattati che sperano solo di esser dimenticati.
Sapper Morton (Dave Bautista) è uno di questi, un ex medico militare che ora alleva vermi in una fattoria. Quando “K” lo rintraccia per ritirarlo, Sapper si difende animato da una consapevolezza dell’esistenza che turba il poliziotto. Ancora di più, il ritrovamento di una scatola sepolta sotto un vecchio albero di fronte alla casa: all’interno, lo scheletro artificiale di un replicante “Nexus” femmina che, senza dubbio, ha partorito.
Si tratta di un evento senza precedenti, in grado di alterare il delicato equilibrio tra gli uomini e i replicanti in schiavitù: il Tenente Joshi (Robin Wright) lo intuisce e, di sua iniziativa, ordina a “K” di individuare il bambino nato dalla replicante, ovunque sia, ed eliminarlo senza lasciare traccia. In segreto.
“K” comincia dagli archivi della Wallace Industries, attuale leader nella produzione di replicanti, che potrebbe avere le schede tecniche dei vecchi modelli “Nexus” partendo dal numero di serie. La singolare ricerca attira l’attenzione del magnate Niander Wallace (Jared Leto) che, grazie alle sue conoscenze, viene a sapere del replicante “nato” e non “creato”: una prospettiva ghiotta, la procreazione, che taglierebbe drasticamente i costi di produzione degli androidi, aumentandola esponenzialmente. Il modo migliore è favorire le indagini di “K” a sua insaputa, ordinando alla replicante Luv (Sylvia Hoeks) di occuparsene: dovrà dargli il massimo supporto e poi, quando l’avrà trovato, prendersi il bambino.
Trentacinque anni dopo l’uscita di “Blade Runner” di Ridley Scott, tocca al pluri-premiato regista canadese Dennis Villeneuve (“La donna che canta”, “Sicario”, “Arrival”) portare in scena il sequel del film che contribuì ad aprire una nuova epoca del genere di fantascienza, nonostante la riluttanza con cui venne accolto all’epoca e le divergenze di opinione su aspetti importanti della trama dei soggetti che la interpretarono: è bene ricordarlo, perché “Blade Runner 2049” sembra finalmente aver messo tutti d’accordo. Infatti, il “making of” della prima trasposizione cinematografica del (forse) meno noto racconto di Philip K. Dick “Gli androidi sognano pecore elettriche” è avvincente quanto il film stesso: dalla primissima sceneggiatura alla scelta del protagonista Harrison Ford, passando per la voce fuoricampo, il lieto fine, la vera natura di Deckard e gli attriti tra i soggetti chiave, sono questioni che hanno portato alla realizzazione di ben sette (!) versioni; le polemiche continuano, ma tutti concordano che “Blade Runner” sia un capolavoro.
Partendo da un livello così pregiato di cinematografia, il rischio di snaturare la natura del film o scadere nella banalità era alto . Per questo Ridley Scott ha rimesso mano al progetto cercando di mantenere molti elementi della squadra originale, inclusa la presenza di Harrison Ford nei panni di Deckard, ambientando il sequel 20 anni dopo il primo film e riprendendo in maniera fedele tutte le tematiche rimaste in sospeso per svilupparne delle nuove: il risultato è un film immenso, di grande impatto scenografico, nel quale non si avvertono “scalini” rispetto al precedente; nella stessa atmosfera si sviluppa la tematica sulla coscienza dell’essere vivente (non solo umano) e l’importanza che le esperienze vissute rappresentano nello sviluppo di un individuo, anche attraverso i ricordi, che diventano fondamentali. Harrison Ford ritrova il vigore e il carisma nella recitazione che lo ha portato al successo, mentre il poliziotto replicante di Ryan Gosling incarna benissimo l’idea di una macchina cosciente che tenta di risolvere i paradossi della sua natura, per trovare coerenza. C’è molta bellezza e cura, mentre la fotografia e la scenografia digitale sono impressionanti: il film è lungo perché contemplativo, come viaggiare e guardarsi attorno, semplicemente. E come il primo “Blade Runner”, non è un film per tutti.
Villeneuve ha realizzato un film lungo, con i giusti ritmi, ricco di idee e di riflessioni sulla natura dell’uomo e le sue contraddizioni, evidenziate dal confronto con macchine che sono costruite per essere “più umane dell’umano”. Bravissimi gli attori, belle le protagoniste femminili Silvia Hoeks e Ana de Armas: grazie a loro, tutto riconduce agli istinti che si annidano nelle pieghe più profonde della coscienza, dove nascono le emozioni. Eleganza, amore, erotismo amplificano il desiderio brutale di “essere”, considerati e amati prima di tutto, pronti a sacrificarsi nella pienezza di questa esperienza che si chiama “vita”: questo è “Blade Runner 2049”.
Imperdibile per i fan e per tutti quelli che pretendono qualità ed eccellenza da un film, per ricchezza di contenuti e impegno.

Asterix451

 
Di Angie (del 09/12/2017 @ 05:00:00, in libri, linkato 361 volte)
Titolo originale
 
Autore
Autrice anonima
Traduzione
G. Lonza
Editore
Piemme
Prima edizione
2005

Questa è una storia vera. Vera così come la ricordo dice l'autrice anonima: una giovane ebrea-irachena costretta a nascondere la propria identità che racconta dei suoi familiari oppressi, torturati e uccisi dal regime di Baghdad di Saddam Hussein. Fuggita in Iran poi in Israele, sposata con figli emigra negli Stati Uniti. E qui inizia per lei una vera e propria personale battaglia contro l'estremismo islamico. “Hanno distrutto la mia famiglia. Ora la mia missione è scovarli. Ovunque si nascondano”.
Grazie alla sua conoscenza dell'arabo e del mondo islamico, riesce ad infiltrarsi nei gruppi fondamentalisti islamici attivi in America. Diventa così la “Cacciatrice di Terroristi” (Titolo del libro) e riesce a contribuire a più di una cattura di pericolosi estremisti. Una giovane con grandi capacità investigative e l’FBI e la CIA hanno sottovalutato le sue informazioni. L’autrice, infatti, considera soprattutto l'FBI una struttura costosa ed inefficiente che non ha saputo cogliere i preoccupanti segnali che precedettero l'attacco dell'11 settembre 2001. L'inizio della mia lettura, devo dire, che subito ho avuto l'impressione di trovarmi di fronte ad una storia romanzata, di argomenti già noti sulla persecuzione di ebrei, più che riguardante il terrorismo internazionale. Ma mano a mano che procedevo nella lettura mi accorsi che non è più un racconto biografico. Il libro diventa quasi un atto d'accusa contro l'inefficienza, l'arroganza e lo spreco di risorse dell'FBI. A questo punto la lettura si fa più interessante: la storia di questa giovane donna, la cui vita che fin dall'infanzia fu segnata da quel mondo di terrore, ora si ritrova in prima linea a scovare i terroristi. “La Cacciatrice di Terroristi” è un bestseller internazionale pubblicato in molte nazioni: Usa, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Israele, Giappone e molte altre. Non è come il titolo potrebbe far supporre un thriller mozzafiato con appostamenti, sparatorie o inseguimenti. Niente di tutto ciò. Ma bensì è un dettagliato resoconto di giorni e notti, per settimane, per mesi, per anni passati a un tavolo e a un computer a fare ricerche d'archivio. Per questo motivo la lettura a tratti potrebbe risultare un po' pesante e noiosa, ma tranquilli cari lettori, è sempre emozionante e coinvolgente che si continua immersi nella lettura senza fatica fino alla fine. Ancora oggi questa autrice anonima è un importante esperta di terrorismo e vive sotto copertura. Grazie al suo lavoro da infiltrata ha consentito di individuare alcune cellule di terroristi islamici che per anni hanno prosperato in Occidente. Le sue indagini hanno permesso anche, di interrompere finanziamenti occulti alla rete del fondamentalismo estremista e reso possibile una delle grandi operazioni antiterrorismo. Spesso mi domando, dice l'autrice, perché non posso fare una vita normale? Tranquilla, divertirmi come fanno tutti? Invece di cacciarmi sempre nei guai?
Chi ha occasione di avere sotto le mani questo libro e ha curiosità di sapere sul terrorismo vi consiglio di immergervi in questa lettura di 430 pagine molto interessanti.

Angie

 
Di Miryam (del 20/11/2017 @ 05:00:00, in libri, linkato 338 volte)
Titolo originale
A Place Called Freedom
Autore
Ken Follet
Editore
Mondadori
Prima edizione
1995

Non è mia abitudine leggere un libro due volte, anzi credo di non averlo mai fatto…eccetto questa volta. Sono passati circa tredici anni, sinceramente non ricordo esattamente da quando ho letto un meraviglioso romanzo di Ken Follett “Un luogo chiamato libertà”.
Tempo fa curiosando nella libreria di un mia amica, mi cadde l’occhio su questo libro, nel giro di pochi minuti mi trovai a sfogliare e a leggere la sinossi giusto per farmi tornare a mente i nomi dei personaggi, invece… me lo sono fatto prestare e già in serata ne avevo letto una trentina di pagine. Pian piano i ricordi della trama si affacciarono nella mia mente, ma nonostante me lo ricordassi, ho proseguito nella lettura sempre affascinante che adesso vi racconterò.
Il libro, ambientato nel 1700, tratta un’epoca di grandi cambiamenti, della rivoluzione industriale alle porte, delle colonie americane in procinto di proclamare l’indipendenza. In questo contesto piuttosto drammatico, spicca la storia di un giovane ventenne scozzese, Mack Mc Ash, un minatore schiavo piuttosto ribelle che lotta per la sua libertà. Questo giovane rivoluzionario, lavora presso la potente famiglia Jamisson, famiglia senza scrupoli che fa lavorare i suoi schiavi in condizioni disumane. Nessuno osa ribellarsi, anche perché scontrarsi con i ricchi proprietari non porterebbe nessun miglioramento, ma non per il giovane Mc Ash il quale in modo alquanto arrogante tiene testa a Sir Jamisson. Persino la giovane Lizzie Hallem, proprietaria terriera di una famiglia aristocratica,che una volta era sua compagna d’infanzia, si indigna al comportamento ingrato di Mack, ma quando quest’ultimo la invita a scendere in miniera x vedere la situazione, anche lei si ribella alle ingiustizie e così tra i due torna quell’amicizia complice che pian piano diventa un’attrazione inconscia che tra viaggi, intrighi, peripezie ed enormi ostacoli sfocia nell’amore.
Non ho voluto inoltrarmi nei dettagli della storia perché non è molto facile seguire tutti gli spostamenti del giovane scozzese e per non svelare anche degli aneddoti divertenti, La trama comunque è molto avvincente, seguire questo schiavo nella sua impresa con l’unico scopo di raggiungere il suo sogno di uomo libero, tiene con il fiato sospeso il lettore.
È un romanzo molto piacevole da leggere, dove avidità, ambizione, amore, indipendenza e potere si mescolano fino ad ottenere una storia appassionante che invito tutti a leggere se non l’avete ancora fatto.

Miryam

 
Di Asterix451 (del 30/10/2017 @ 05:00:00, in cinema, linkato 395 volte)
Titolo originale
It
Produzione
USA 2017
Regia
Andy Muschietti
Interpreti
Bill Skarsgård, Owen Teague, Jaeden Lieberher, Finn Wolfhard, Wyatt Oleff.
Durata
135 Minuti

Derry, stato del Maine, anni ‘80: una provincia come ce ne sono tante in America. Ma sotto allo strato di normalità si nasconde qualcosa che si prende le persone, delle quali restano solo i manifestini di scomparsa affissi in tutta la città: Bill (Jaeden Lieberher) lo sa bene, perché il suo fratellino Georgie è come scomparso nel nulla.
Bill è un ragazzino timido e balbuziente. Condivide un’adolescenza difficile con i “Perdenti” (come vengono definiti dai bulletti-superstar della scuola), ragazzini sfigati con le ragazze e poco prestanti, eppure, “diversamente fichi”: si tratta di Richie il guascone (Finn Wolfhard); dell’ipocondriaco Eddy (J.D. Grazer); del geniale Stanley (Wyatt Olef); di Mike il nero, “l’ammazza-vitelli” (Chosen Jacobs), e di Ben, il ciccione nuovo arrivato (Jeremy Ray), che quell’infame di Henry Bowers (Nicholas Hamilton) e la sua banda hanno quasi affettato sul Ponte dei Baci. Ah, poi c’è Beverly Marsh, la rossa (Sophia Lillis), che in quell’estate si unisce al gruppo dei “Perdenti” facendoli innamorare tutti: aye, diciamo grazie.
Per loro, la situazione è più o meno questa: stretti tra la banda di Henry e questa… “cosa”. E se alcuni vorrebbero godersi l’estate, Bill vuole trovare il suo fratellino una volta per tutte, soprattutto quando scopre che Ben ha fatto delle ricerche per conto suo ed è molto documentato sulla storia di Derry. Perché ci sono dei punti chiave che uniscono le fogne della città a una casa fatiscente costruita intorno a un pozzo dell’acqua e tutti ammettono di aver visto un pagliaccio agghiacciante (Bill Skaarsgard) animare le loro paure: quella creatura gli sta dando la caccia ma, se resteranno uniti, il gioco delle parti potrebbe anche invertirsi.
Nell’immenso romanzo di King del 1986, “It” è il pronome neutro della lingua inglese e si riferisce all’entità mutevole che si nutre della paura dei bambini: una storia memorabile per la struttura narrativa, le idee, la forza con cui evoca paure ancestrali, pulsioni e sentimenti dei personaggi. Un romanzo introspettivo, esplicito nei contenuti della violenza, del turpiloquio e del sesso, eppure mai volgare, perché affronta gli aspetti più complessi e profondi della natura (e della paura) umana.
Sono stato un “kinghiano” fedele e metodico, ma non è fazioso definire “indegna” la prima trasposizione cinematografica di Tommy Lee Wallace scritta per la TV; anzi, credo abbia portato un danno enorme al romanzo, sia per i tagli grossolani alla trama, sia per la povertà di certi effetti speciali.
Nonostante i contenuti vergognosi e la bassezza di certi programmi televisivi in fascia non protetta, le tematiche di “It” diventano una spina nel fianco per qualsiasi regista voglia allargare al massimo la rosa degli spettatori: ciò significa semplificare la trama, filtrare il “politicamente scorretto” (che di solito è la verità), giocare con l’erotismo senza scadere nel porno senza far insorgere chi ha letto il libro o, viceversa, beccarsi censure paradossali. Se a tutto questo si aggiunge una produzione travagliata, la salita diventa vertiginosa.
La scalata è toccata al regista argentino Andy Muschietti, classe 1973 di origini italiane, approdato a Hollywood con il film “La Madre”. Nonostante la sua breve filmografia, già dalle prime scene dimostra di saperci fare con una narrazione fluida e ricca di dettagli; Muschietti si prende i giusti tempi per descrivere il carattere dei personaggi e farci sprofondare negli incubi del clown Pennywise. Situazioni orribili si alternano alle vicende degli adolescenti (rapporto con i genitori, bullismo, primi amori), i quali traggono forza dalle loro debolezze con coraggio e senso dell’umorismo. Come nel romanzo, anche qui si ride spesso. Bravi i giovani attori e bravissimo Bill Skaarsgard nei panni del clown, molto più “Pennywise” di quanto non fosse Tim Curry nella versione precedente. La Beverly di Sophia Lillis fa davvero innamorare, com’è giusto che sia, ma di nuovo non si riesce ad andare fino in fondo: perché è lei il personaggio chiave che nel romanzo unisce il gruppo e dà un vero senso al finale, mentre al cinema si cercano alternative più facili da raccontare che, però, lasciano incertezze di trama.
Anche la suddivisione in “Prima Parte: adolescenti/Seconda Parte: adulti” è un’ulteriore semplificazione che toglie suspance, a differenza del libro, che porta avanti la vicenda di entrambe le epoche svelando i fatti poco a poco.
Un’ultima riflessione: nel 1986 King insegnava a tutti come far paura alla gente, e scrittori e sceneggiatori hanno imparato la lezione. A 30 anni di distanza, il remake di “It” non riesce a proporre qualcosa di realmente nuovo nel panorama del cinema horror: per questa ragione, agli amanti della letteratura consiglio il romanzo, perché rimane un’esperienza davvero coinvolgente. Tutti gli altri potranno godersi questo film ben confezionato, che si paga il biglietto e onora “il Re” con un lavoro ben strutturato, capace di spaventare ed emozionare. Aspettiamo la seconda parte.

Asterix451

 
Di Angie (del 23/10/2017 @ 05:00:00, in cinema, linkato 468 volte)
Titolo originale
Pixels
Produzione
USA 2015
Regia
Chris Columbus
Interpreti
Michelle Monaghan, Peter Dinklage, Adam Sandler, Ashley Benson, Sean Bean.
Durata
100 Minuti

Vi ricordate gli anni '80? I tempi magici dei videogiochi Arcade e delle sale giochi dove con un gettone ti lanciavi nel mondo di Pac-Man & Co! Ecco che con la pellicola d'azione “Pixels”, ci riporta a quei tempi. Il film inizia con due ragazzini Sam Brenner, appassionato di videogiochi che, insieme al suo migliore amico William Cooper, detto “Ciube” (essendo un fans di Stars Wars) vanno per la prima volta in una sala giochi. Sam, mente geniale, vince ogni gara comprendendo gli schemi dei giochi. In una finale dei giochi Brenner si scontra con Eddie Plant, un attaccabrighe, noto come “Fireblaster” e famoso per la sua imbattibilità nei videogiochi, arrivano pari.
Si sfidano, così per l'ultima partita a Donkey Kong, dove purtroppo Brenner perde. A fine di quel campionato una cosiddetta “capsula del tempo” con all'interno il filmato del campionato viene mandato nello spazio come parte di un esperimento della Nasa. A distanza di molti anni, un'intelligenza aliena ritrova quella capsula col filmato e, attacca il Pianeta Terra credendo di essere sfidata. Ora toccherà a quei concorrenti ragazzini ormai cresciuti: Sam Brenner (Adam Sandler), diventato un comune operaio, William Cooper (Kevin James) ora Presidente, Eddie Plant (Peter Dinklege) e Ludlow Lamonsoff (Josh Gad) a rimediare all'equivoco.
Formano una squadra, a cui si unisce anche il colonnello Violet Van Patten (interpretata dalla bella Michelle Monoghan), una specialista del settore che fornisce loro le armi necessarie per combattere gli alieni. Chris Columbus regista di “Mamma ho perso l'aereo” e i primi due di “Harry Porter” dirige “Pixels”, il suo 14esimo film.
Una commedia divertente i cui protagonisti assoluti sono un quartetto di nerd, tutti campioni di videogiochi negli anni '80, che vengono chiamati e catapultati così dalla loro vita tranquilla e monotona al pentagono per salvare il mondo dall'invasione aliena. L'ispirazione di questo film arriva da un cortometraggio francese del 2010 di Patrick Yean. Nonostante sia stato stroncato dalla maggior parte dalla critica, ha avuto un buon successo al box office, incassando 237 milioni di dollari, a fronte di un budget stimato in 88 milioni. Belli gli effetti speciali. Un buon cast, personaggi molto simpatici. Devo dire che pur non amando i videogiochi il film è riuscito ad incollarmi allo schermo. Pellicola decisamente gradevole, carina e divertente che strappa qualche risata, con un finale pienamente riuscito nel suo intento quello di :intrattenimento del pubblico.
Graziosi i titoli di coda che ricordano il film in formato videogioco anni '80. In conclusione anche se non è nulla di eccezionale consiglio di darci un'occhiata. In modo particolare lo suggerisco agli appassionati dei videogiochi, in quanto questa visione li farà rituffare con un pizzico di dolce malinconia nel fascino degli anni '80, ricordando quei tempi in cui i videogames erano qualcosa di assolutamente nuovo e si passavano le giornate nelle sale gioco. Se poi vogliamo aggiungere che la sua durata normale di 1ora e 40 minuti è adatto anche ai più piccoli che si faranno qualche risata.

Angie

 
Di Miryam (del 13/10/2017 @ 05:00:00, in libri, linkato 417 volte)
Titolo originale
 
Autore
Stefan Ahnhem
Editore
Sperling & Kupfer
Prima edizione
2016

Nel buio e ovattato inverno svedese, precisamente a Stoccolma, il ministro della giustizia lascia il palazzo governativo e per evitare i giornalisti, l’uomo decide di uscire dalla parte laterale dell’edificio per giungere alla sua automobile. Peccato però che non ci arriverà mai, infatti poco dopo verrà trovato il suo cadavere privo di organi. Nello stesso momento a Copenaghen, viene rinvenuto il corpo straziato della moglie di un importante giornalista televisivo, anche questo privato degli organi.
Mentre su quest’ultimo caso indaga l’ispettor Dunja Hougaard, nell’altro a Stoccolma troviamo l’ispettor Fabian Risk.
Nonostante gli omicidi siano stati compiuti in due stati diversi, sembra che le morti siano collegate, non solo, non saranno le uniche, altri corpi mutilati verranno ritrovati e ben presto le strade di Fabian e Dunja si collegheranno e i due ispettori si troveranno a lavorare insieme per cercare di porre fine a questo massacro e soprattutto scoprire cosa si nasconde dietro a questi macabri rituali. “L’Angelo di Ghiaccio” è stato scritto dallo svedese Stefan Ahnhem già conosciuto al pubblico con il romanzo, il suo primo thriller “Adesso tocca a te”.
Non conoscevo questo scrittore ma leggendo la sinossi ho subito pensato che fosse il libro perfetto per me visto che amo i libri adrenalinici con risvolti macabri come si può vedere dalle varie recensioni fatte.
È una trama molto complessa, infatti le prime cinquanta…sessanta pagine sono un po’ confuse, soprattutto per i vari nomi stranieri che vengono citati, però credo che questa sia l’unica pecca del libro, infatti coinvolge il lettore il quale come me cerca di valutare tutti gli indizi per indovinare quali sono i legami tra le due indagini.
Nonostante si riesca a capire verso le ultime cento pagine chi è il killer, resta sempre oscuro il motivo di quelle efferate azioni. Ahmhem riesce a portare avanti due indagini sconvolgenti con un movente che ha a che fare con la vendetta, una vendetta atroce come il vero titolo del libro che a parer mio sarebbe stato giusto conservare, infatti “La nona tomba” è più fedele alla trama del romanzo, chi lo leggerà capirà il perché.
Concludendo, il libro si chiude con un piccolo assaggio delle prossime avventure di Fabian Risk, perciò se amate i thriller che impressionano, ci vedremo presto in libreria con la prossima uscita.

Miryam

 

2218615 persone hanno visitato il blog dal 3 aprile 2006

Ci sono 331 persone collegate


< maggio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Articoli
Elencati per sezione:
cinema
musica
live report
libri
teatro
fumetti
serie TV
redazione

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Gran bel libro che è...
18/03/2018 @ 15:55:05
Di Namor
Non credevo (infatti...
18/03/2018 @ 15:53:06
Di Namor
Complimenti per la r...
18/03/2018 @ 13:03:13
Di Angie*
@- LouiseElle- Ti r...
03/12/2017 @ 11:08:01
Di * Miryam
e' un libro bellissi...
23/11/2017 @ 14:21:42
Di #LouiseElle
@_Angie: Grazie Angi...
15/11/2017 @ 00:19:30
Di Asterix 451
Bella rece Asterix. ...
12/11/2017 @ 14:22:04
Di Angie*
ne sono davvero feli...
29/08/2017 @ 22:59:00
Di #LouiseElle
purtroppo non sono ...
05/03/2017 @ 20:26:10
Di #LouiseElle
Anche questo titolo ...
05/03/2017 @ 14:34:45
Di Namor




Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3
dBlog Open Source
BlogItalia
blogs italia, directory blog italiani

BlogNews


Creative Commons License
I contenuti testuali di BlogBuster sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.


21/05/2018 @ 18:21:34
script eseguito in 356 ms