Angels & Vampires vol. 1 - BLOGBUSTER - cinema e musica
mail forum
 
\\ Home Page : Articolo
Angels & Vampires vol. 1
Di slovo (del 26/10/2007 @ 05:00:00, in musica, linkato 1938 volte)
Artista
Titolo
Angels & Vampires vol. 1
Anno
2005
Label
Treehouse Pubblishing

Da quando Sananda è riuscito a divincolarsi dai diktat dell’industria discografica (ovvero i vampiri del titolo) diventando il solo timoniere del suo percorso artistico, si respira un’atmosfera di galvanizzato entusiasmo nel suo monastero. È l’entusiasmo di un artista finalmente libero di esprimersi senza più i filtri dell’ ingegneria del gradimento: trasuda dalle tracce del suo ultimo progetto, sviluppato in due capitoli e sull’imponente mole di 40 brani.
Apre il primo volume di A&V “four shadow”, breve e graziosa, essenzialmente un motivetto canticchiato su un giro di accordi, segue una cover molto appassionata di “Angie” dei Rolling Stones, quindi è la volta della gaia “booloay boolay” che più pazza di così non si può... come dire: “questa è la musica che voglio fare: delicata, sensuale e groovy”.
Sananda esalta la componente viscerale delle sue canzoni: i suoi precedenti dischi, pur contenendo sempre ottimo materiale erano molto ‘lavorati’ in studio, in A&V ripesca l’essenza del suono di un certo rock-blues di vecchia scuola, quindi basso-batteria-chitarra (tutti suonati da lui, tra l’altro), qualche essenziale colore di quando in quando, un pianoforte per le ballate e naturalmente la sua splendida voce.
A volte, un eccesso di libertà porta con sé anche il rischio di qualche scelta discutibile. Niente di grave, parliamo di brani di cui non si sarebbe sentita la mancanza oppure il cantare in italiano su “bella faccina” (dedicata alla moglie Francesa): non sono sicuro sia stata una trovata molto azzeccata ma fa parte del gioco… è comprensibile che voglia trattare tutte le sue creazioni in quanto tali quindi ugualmente meritevoli di essere proposte, senza scartare ciò che non è ‘vendibile’.
Rispettiamo la sua scelta, la cosa importante è che Sananda sia ancora in grado di scrivere grandi canzoni come “if all I’ve got”, “losing becomes too easy”, “dolphin” e di sorprenderci quando il suo consueto spaziare tra generi e stili trova forza nell’ibridazione, nello spiazzante cambio di registro nell’ambito dello stesso componimento, prendete “more than you do”, “reach out” o “psychotherapy”.
Tanto per cambiare, un’artista considerato ‘sparito’ secondo i canoni promozionali del music-business è in realtà vitale, ispirato e prolifico… l’industria ha toppato un’altra volta.
Dimenticavo, per chi ancora non lo sapesse: Sananda Maitreya era un tempo conosciuto come Terence Trent d’Arby.

slovo

Articolo Articolo Commenti Commenti (7) Storico Storico Stampa Stampa

1852540 persone hanno visitato il blog dal 3 aprile 2006

Ci sono 579 persone collegate


< febbraio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
     
             

Articoli
Elencati per sezione:
cinema
musica
live report
libri
teatro
fumetti
serie TV
redazione

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Gran bel libro che è...
18/03/2018 @ 15:55:05
Di Namor
Non credevo (infatti...
18/03/2018 @ 15:53:06
Di Namor
Complimenti per la r...
18/03/2018 @ 13:03:13
Di Angie*
@- LouiseElle- Ti r...
03/12/2017 @ 11:08:01
Di * Miryam
e' un libro bellissi...
23/11/2017 @ 14:21:42
Di #LouiseElle
@_Angie: Grazie Angi...
15/11/2017 @ 00:19:30
Di Asterix 451
Bella rece Asterix. ...
12/11/2017 @ 14:22:04
Di Angie*
ne sono davvero feli...
29/08/2017 @ 22:59:00
Di #LouiseElle
purtroppo non sono ...
05/03/2017 @ 20:26:10
Di #LouiseElle
Anche questo titolo ...
05/03/2017 @ 14:34:45
Di Namor




Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3
dBlog Open Source
BlogItalia
blogs italia, directory blog italiani

BlogNews


Creative Commons License
I contenuti testuali di BlogBuster sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.


23/02/2019 @ 10:27:31
script eseguito in 219 ms