90125 - BLOGBUSTER - cinema e musica
mail forum
 
\\ Home Page : Articolo
90125
Di Andy (del 27/05/2009 @ 05:00:00, in musica, linkato 1820 volte)
Artista
YES
Titolo
Yes 90125
Anno
1983
Label
Atco

Ogni tanto bisogna per forza tornare al passato per riascoltare un po’ di buona musica e questa volta l’ho fatto con un grande gruppo, gli Yes, e un album che all’epoca fece storcere il naso a non pochi puristi estimatori di questa eccezionale formazione prog-rock. Sto parlando di 90125 e dell’anno 1983 e io devo dire che non essendo un purista, anche se so di cosa parliamo quando si citano dischi precedenti come Fragile e Close to the edge e cioè di arte e sperimentazione allo stato massimo, brani che suonano come delle suite, eseguite con raffinatezza e perfezione senza eguali, apprezzai da subito questo ellepi completamente diverso, a cominciare dalla formazione che comprendeva Jon Anderson alla voce, Chris Squire al basso, Trevor Rabin alle chitarre, Tony Kaye alle tastiere e Alan White alla batteria; dopo il precedente Drama, deludente trentatrè in cui non figurava nemmeno Anderson alla voce, il gruppo, a causa dei soliti dissapori interni che si vengono a creare in ogni onorata formazione, non se la stava passando decisamente bene, in quanto negli anni 80, portare avanti il genere suonato fino ad allora era realmente difficile e quindi, la svolta da parte di Jon e Chris verso sonorità pop-rock sicuramente più commerciali e più digeribili da un pubblico meno disposto a impegnarsi nell’ascolto di cose troppo complicate; questo senza gli altri tre elementi originari e cioè Steve Hove, chitarre, Rick Wakeman, tastiere e Bill Bruford alla batteria.
Owner of a lonely hert, primo singolo uscito poco prima dell’estate 83, ci torturò non poco dai juke-box delle spiagge (che bei tempi, scusate!) e associare una hit pop-rock del genere al nome Yes riuscì effettivamente difficile; però quel rif di chitarra così accattivante, gli effetti di tastiera veramente nuovi per l’epoca, l’assolo con l’harmonizer, basso e batteria trascinanti e voce angelica a completare l’opera pop fecero colpo davvero e così via al negozio a comprare il padellone. La seconda canzone, Hold on, riporta verso sonorità più rock, un mid tempo dall’incedere un po’ blues, con dei bei cori e in cui si accentua la differenza tra Rabin, dallo stile moderno e un po’ “bluesy” e Steve Howe, storico chitarrista classicheggiante e jazz degli Yes più blasonati. Lo stesso dicasi per Kaye, meno tecnico di Wakeman ma adattissimo per questo nuovo sound. It can happen, con intro di sitar inframezzato dallo stupendo basso di Squire, che tra l’altro si trova a suo agio in tutto il disco, dimostrando tutta la sua bravura e il gusto di cui è dotato, è un gran pezzo che viaggia su tre cambi di tempo diversi, sovrapposizioni di cori, aperture strumentali, forse il più “yes” dell’album. Non scherza neanche Changes, intro di xilofono martellante, dal sapore orientale e inizio a sorpresa di un rif di chitarra semplice e ritmico. Meravigliose le parti vocali di questa canzone, eseguite da Rabin e Anderson che si alternano di continuo, ma qui l’atmosfera è eccezionale ed è creata da tutti gli strumenti. Ecco I can leave it, un pop-disco cantato a cappella e riempito di overdubs di cori, che all’epoca stette non poco sulle palle ai cosiddetti puristi di cui vi dicevo , però a riascoltarla adesso, ce ne fosse! Our song, bellissima, solare, divertente..che basso sto Squire! City of love, un rockaccio duro alla Van Halen, con degna chitarra e tutto il resto, basso e batteria cattivi davvero. Hearts, per me la canzone più bella del lavoro, dai riecheggi orientali stupendi, cambi di tempo, cori quasi gregoriani nella strofa, il ritornello che si apre in una melodia rilassante e che sfocia in un assolo di Rabin che definire stupendo è veramente poco, ascoltatevelo e mi direte.
Insomma, io questo disco lo conosco veramente a memoria e mi piacerebbe che qualcun altro, come me, lo riascoltasse a distanza di anni e lo giudicasse per la musica che contiene , senza etichette e confronti col “prima”o “dopo”. li arrangiamenti sono veramente eccezionali ma la loro forza sta nel fatto che non intaccano la scorrevolezza delle canzoni e, particolare da non sottovalutare, Wakeman ha ammesso in seguito di essersi pentito di non aver partecipato; quello che si evince dall’ascolto è che comunque loro si sono divertiti a suonare questo 90125 e io ad ascoltarlo..tuttora .
Buon ascolto.

 Andy

Articolo Articolo Commenti Commenti (7) Storico Storico Stampa Stampa

1852505 persone hanno visitato il blog dal 3 aprile 2006

Ci sono 516 persone collegate


< febbraio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
     
             

Articoli
Elencati per sezione:
cinema
musica
live report
libri
teatro
fumetti
serie TV
redazione

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Gran bel libro che è...
18/03/2018 @ 15:55:05
Di Namor
Non credevo (infatti...
18/03/2018 @ 15:53:06
Di Namor
Complimenti per la r...
18/03/2018 @ 13:03:13
Di Angie*
@- LouiseElle- Ti r...
03/12/2017 @ 11:08:01
Di * Miryam
e' un libro bellissi...
23/11/2017 @ 14:21:42
Di #LouiseElle
@_Angie: Grazie Angi...
15/11/2017 @ 00:19:30
Di Asterix 451
Bella rece Asterix. ...
12/11/2017 @ 14:22:04
Di Angie*
ne sono davvero feli...
29/08/2017 @ 22:59:00
Di #LouiseElle
purtroppo non sono ...
05/03/2017 @ 20:26:10
Di #LouiseElle
Anche questo titolo ...
05/03/2017 @ 14:34:45
Di Namor




Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3
dBlog Open Source
BlogItalia
blogs italia, directory blog italiani

BlogNews


Creative Commons License
I contenuti testuali di BlogBuster sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.


23/02/2019 @ 10:10:00
script eseguito in 241 ms