Face Value - BLOGBUSTER - cinema e musica
mail forum
 
\\ Home Page : Articolo
Face Value
Di Andy (del 28/09/2009 @ 05:00:00, in musica, linkato 1382 volte)
Artista
Phil Collins
Titolo
Face Value
Anno
1981
Label
Atlantic - Virgins

Penso che ognuno di noi abbia, nella propria personalissima e amatissima collezione di dischi e cd, quei tre o quattro titoli che inspiegabilmente gli capitano sempre tra le mani e puntualmente, dopo un primo scarso tentativo di rifiuto, pensando – “che palle, ascolto sempre la stessa roba” -, finiscano sul piatto o lettore. Face value di Phil Collins è uno di questi, per quanto mi riguarda. Leggendo la data dell’anno di pubblicazione, 1981, mi rendo conto che, ahimè, le primavere cominciano a passare anche per il sottoscritto (sono del ’65). Il problema è che questo album mi mette sempre di buon umore, vuoi il periodo spensierato che mi ricorda, vuoi i suoni e il genere molto raffinati ma soprattutto vuoi la bellezza e la classe delle canzoni contenute in questo che fu il primo disco solista di Collins, il quale prese una pausa dal suo gruppo di appartenenza, i grandiosi Genesis, per incidere questi dodici brani insieme alla sezione fiati degli Earth Wind and Fire, Eric Clapton e altri ospiti in un clima funk-fusion. La canzone apripista è la celebre In the air tonight, atmosfera molto grigia e riflessiva,voce lontana e metallica, pregna della disperata tristezza per la separazione dalla moglie, avvenuta proprio durante le registrazioni. This must be love è una ballad easy cantata invece con una bellissima voce sofferta e che presenta il lato romantico di Phil, che poi diventerà un marchio di fabbrica accanto a pezzi più ballabili e ritmati che hanno costellato l’ottima carriera del musicista. Behind the lines verrà ricordata dai più esperti in Duke, ellepì del 1980 dei Genesis ma qui riproposta in versione totalmente rivista e corretta specialmente dalla sezione ritmica e fiati degli EWF, veramente bella e allegra. Più intimista la seguente The roof is leaking, atmosfera da serata in riva al Mississippi, lenta ma inquieta e che sfocia direttamente in un incedere di percussioni e suoni caratteristici della profonda Africa, che fanno pensare ad una caccia durante un safari, una parte strumentale bellissima di questo album che ritorna su ritmi più urbani con un gran pezzo fusion, I missed again , fiati controtempati e uno stupendo solo di sax. Classe brithish in I’m not moving, un english easy rock simpaticissimo. Struggente If leaving me easy, un entrata di sax da accapponare la pelle, voce e atmosfera da brividi, un lento con la M maiuscola, da assaporare con la propria metà, se possibile. Per concludere, la visionaria e psichedelica Tomorrow never knows, cover di un brano dei Beatles, batteria preponderante e suoni futuristici e spaziali, chiude un opera prima di tutto rispetto, da cui viene fuori una vena fino ad allora nascosta di un Phil Collins autore moderno e fresco, molto capace anche nella composizione di hit songs da quattro minuti, senza nulla togliere alle memorabili suite dei Genesis; oltre che un grande cantante e un eccezionale batterista ovviamente. Proprio a proposito di questo, leggevo in questi giorni che Collins ha dichiarato di non poter più suonare la batteria a causa di seri problemi alla schiena; speriamo che si riprenda perché il suo stile è davvero inconfondibile e piacevole ed è un altro di quegli artisti poco chiacchierati ma molto bravi..classe inglese!
Buon ascolto..

Andy

Articolo Articolo Commenti Commenti (3) Storico Storico Stampa Stampa

1852470 persone hanno visitato il blog dal 3 aprile 2006

Ci sono 453 persone collegate


< febbraio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
     
             

Articoli
Elencati per sezione:
cinema
musica
live report
libri
teatro
fumetti
serie TV
redazione

Catalogati per mese:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Gran bel libro che è...
18/03/2018 @ 15:55:05
Di Namor
Non credevo (infatti...
18/03/2018 @ 15:53:06
Di Namor
Complimenti per la r...
18/03/2018 @ 13:03:13
Di Angie*
@- LouiseElle- Ti r...
03/12/2017 @ 11:08:01
Di * Miryam
e' un libro bellissi...
23/11/2017 @ 14:21:42
Di #LouiseElle
@_Angie: Grazie Angi...
15/11/2017 @ 00:19:30
Di Asterix 451
Bella rece Asterix. ...
12/11/2017 @ 14:22:04
Di Angie*
ne sono davvero feli...
29/08/2017 @ 22:59:00
Di #LouiseElle
purtroppo non sono ...
05/03/2017 @ 20:26:10
Di #LouiseElle
Anche questo titolo ...
05/03/2017 @ 14:34:45
Di Namor




Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3
dBlog Open Source
BlogItalia
blogs italia, directory blog italiani

BlogNews


Creative Commons License
I contenuti testuali di BlogBuster sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.


23/02/2019 @ 10:05:38
script eseguito in 200 ms