\\ Home Page : Articolo : Stampa
Silent Hill
Di ninin (del 23/07/2006 @ 05:00:00, in cinema, linkato 6775 volte)
Titolo originale
Silent Hill
Produzione
Francia,U.S.A.,Giappone 2006
Regia
Christophe Gans
Interpreti
Radha Mitchell, Laurie Holden, Sean Bean, Deborah Kara Unger, Tanya Allen, Christopher Britton, Kim Coates
Durata
126 minuti

La piccola Sharon è sonnambula e soffre di continue turbe notturne, nelle quali ripete continuamente la parola “Silent Hill”. Questo nome non è altro che una località terribilmente isolata, con uno scenario simil-invernale; ma a colorare di bianco il posto non è la candida neve ma bensì la cenere, dato che la cittadina, nel lontano 1974, è stata distrutta da un incendio che continua nelle sue viscere tuttora. Rose, la madre adottiva della piccola, decide così, all’insaputa del marito, di fare visita a questa località fantasma sperando di poter guarire la figlia da questi disturbi. Questa città, definita “marcia”, ha mietuto numerose vittime durante il triste episodio del ’74, ma alcuni superstiti vivono ancora li, nascondendo strani segreti. Christopher, il marito di lei, nel frattempo scopre la fuga della moglie e della figlia e si mette alla ricerca delle stesse. Ispirato dal videogame omonimo, il lungometraggio racconta la stessa storia: con la madre che perde la figlia alle porte della città durante un incidente automobilistico e, grazie anche all’aiuto di una poliziotta, cerca di ritrovare la figlia imbattendosi in losche figure, scenari da brivido, dimensioni parallele e varie peripezie. Il film si avvale della direzione di Christophe Gans, regista francese, e devo dire che il suo lavoro lo ha orchestrato molto bene; la colonna sonora è stata affidata ad Akira Yamaoka, naturalmente lo stesso che firma anche quella del videogame. Quello che è di difficile comprensione è: dove sono finiti i circa 90 minuti di pellicola tagliati dell’originale? Riusciremo a recuperarli nel Dvd a noleggio? Vi do un consiglio, se siete deboli di cuore, quando manca una trentina di minuti alla conclusione, dite che dovete andare al bagno, perché è parecchio splatter…

ninin