\\ Home Page : Articolo : Stampa
L'angelo di ghiaccio
Di Miryam (del 13/10/2017 @ 05:00:00, in libri, linkato 546 volte)
Titolo originale
 
Autore
Stefan Ahnhem
Editore
Sperling & Kupfer
Prima edizione
2016

Nel buio e ovattato inverno svedese, precisamente a Stoccolma, il ministro della giustizia lascia il palazzo governativo e per evitare i giornalisti, l’uomo decide di uscire dalla parte laterale dell’edificio per giungere alla sua automobile. Peccato però che non ci arriverà mai, infatti poco dopo verrà trovato il suo cadavere privo di organi. Nello stesso momento a Copenaghen, viene rinvenuto il corpo straziato della moglie di un importante giornalista televisivo, anche questo privato degli organi.
Mentre su quest’ultimo caso indaga l’ispettor Dunja Hougaard, nell’altro a Stoccolma troviamo l’ispettor Fabian Risk.
Nonostante gli omicidi siano stati compiuti in due stati diversi, sembra che le morti siano collegate, non solo, non saranno le uniche, altri corpi mutilati verranno ritrovati e ben presto le strade di Fabian e Dunja si collegheranno e i due ispettori si troveranno a lavorare insieme per cercare di porre fine a questo massacro e soprattutto scoprire cosa si nasconde dietro a questi macabri rituali. “L’Angelo di Ghiaccio” è stato scritto dallo svedese Stefan Ahnhem già conosciuto al pubblico con il romanzo, il suo primo thriller “Adesso tocca a te”.
Non conoscevo questo scrittore ma leggendo la sinossi ho subito pensato che fosse il libro perfetto per me visto che amo i libri adrenalinici con risvolti macabri come si può vedere dalle varie recensioni fatte.
È una trama molto complessa, infatti le prime cinquanta…sessanta pagine sono un po’ confuse, soprattutto per i vari nomi stranieri che vengono citati, però credo che questa sia l’unica pecca del libro, infatti coinvolge il lettore il quale come me cerca di valutare tutti gli indizi per indovinare quali sono i legami tra le due indagini.
Nonostante si riesca a capire verso le ultime cento pagine chi è il killer, resta sempre oscuro il motivo di quelle efferate azioni. Ahmhem riesce a portare avanti due indagini sconvolgenti con un movente che ha a che fare con la vendetta, una vendetta atroce come il vero titolo del libro che a parer mio sarebbe stato giusto conservare, infatti “La nona tomba” è più fedele alla trama del romanzo, chi lo leggerà capirà il perché.
Concludendo, il libro si chiude con un piccolo assaggio delle prossime avventure di Fabian Risk, perciò se amate i thriller che impressionano, ci vedremo presto in libreria con la prossima uscita.

Miryam