\\ Home Page : Articolo : Stampa
Un luogo chiamato libertÓ
Di Miryam (del 20/11/2017 @ 05:00:00, in libri, linkato 441 volte)
Titolo originale
A Place Called Freedom
Autore
Ken Follet
Editore
Mondadori
Prima edizione
1995

Non è mia abitudine leggere un libro due volte, anzi credo di non averlo mai fatto…eccetto questa volta. Sono passati circa tredici anni, sinceramente non ricordo esattamente da quando ho letto un meraviglioso romanzo di Ken Follett “Un luogo chiamato libertà”.
Tempo fa curiosando nella libreria di un mia amica, mi cadde l’occhio su questo libro, nel giro di pochi minuti mi trovai a sfogliare e a leggere la sinossi giusto per farmi tornare a mente i nomi dei personaggi, invece… me lo sono fatto prestare e già in serata ne avevo letto una trentina di pagine. Pian piano i ricordi della trama si affacciarono nella mia mente, ma nonostante me lo ricordassi, ho proseguito nella lettura sempre affascinante che adesso vi racconterò.
Il libro, ambientato nel 1700, tratta un’epoca di grandi cambiamenti, della rivoluzione industriale alle porte, delle colonie americane in procinto di proclamare l’indipendenza. In questo contesto piuttosto drammatico, spicca la storia di un giovane ventenne scozzese, Mack Mc Ash, un minatore schiavo piuttosto ribelle che lotta per la sua libertà. Questo giovane rivoluzionario, lavora presso la potente famiglia Jamisson, famiglia senza scrupoli che fa lavorare i suoi schiavi in condizioni disumane. Nessuno osa ribellarsi, anche perché scontrarsi con i ricchi proprietari non porterebbe nessun miglioramento, ma non per il giovane Mc Ash il quale in modo alquanto arrogante tiene testa a Sir Jamisson. Persino la giovane Lizzie Hallem, proprietaria terriera di una famiglia aristocratica,che una volta era sua compagna d’infanzia, si indigna al comportamento ingrato di Mack, ma quando quest’ultimo la invita a scendere in miniera x vedere la situazione, anche lei si ribella alle ingiustizie e così tra i due torna quell’amicizia complice che pian piano diventa un’attrazione inconscia che tra viaggi, intrighi, peripezie ed enormi ostacoli sfocia nell’amore.
Non ho voluto inoltrarmi nei dettagli della storia perché non è molto facile seguire tutti gli spostamenti del giovane scozzese e per non svelare anche degli aneddoti divertenti, La trama comunque è molto avvincente, seguire questo schiavo nella sua impresa con l’unico scopo di raggiungere il suo sogno di uomo libero, tiene con il fiato sospeso il lettore.
È un romanzo molto piacevole da leggere, dove avidità, ambizione, amore, indipendenza e potere si mescolano fino ad ottenere una storia appassionante che invito tutti a leggere se non l’avete ancora fatto.

Miryam