\\ Home Page : Articolo : Stampa
La cacciatrice di terroristi
Di Angie (del 09/12/2017 @ 05:00:00, in libri, linkato 484 volte)
Titolo originale
 
Autore
Autrice anonima
Traduzione
G. Lonza
Editore
Piemme
Prima edizione
2005

Questa è una storia vera. Vera così come la ricordo dice l'autrice anonima: una giovane ebrea-irachena costretta a nascondere la propria identità che racconta dei suoi familiari oppressi, torturati e uccisi dal regime di Baghdad di Saddam Hussein. Fuggita in Iran poi in Israele, sposata con figli emigra negli Stati Uniti. E qui inizia per lei una vera e propria personale battaglia contro l'estremismo islamico. “Hanno distrutto la mia famiglia. Ora la mia missione è scovarli. Ovunque si nascondano”.
Grazie alla sua conoscenza dell'arabo e del mondo islamico, riesce ad infiltrarsi nei gruppi fondamentalisti islamici attivi in America. Diventa così la “Cacciatrice di Terroristi” (Titolo del libro) e riesce a contribuire a più di una cattura di pericolosi estremisti. Una giovane con grandi capacità investigative e l’FBI e la CIA hanno sottovalutato le sue informazioni. L’autrice, infatti, considera soprattutto l'FBI una struttura costosa ed inefficiente che non ha saputo cogliere i preoccupanti segnali che precedettero l'attacco dell'11 settembre 2001. L'inizio della mia lettura, devo dire, che subito ho avuto l'impressione di trovarmi di fronte ad una storia romanzata, di argomenti già noti sulla persecuzione di ebrei, più che riguardante il terrorismo internazionale. Ma mano a mano che procedevo nella lettura mi accorsi che non è più un racconto biografico. Il libro diventa quasi un atto d'accusa contro l'inefficienza, l'arroganza e lo spreco di risorse dell'FBI. A questo punto la lettura si fa più interessante: la storia di questa giovane donna, la cui vita che fin dall'infanzia fu segnata da quel mondo di terrore, ora si ritrova in prima linea a scovare i terroristi. “La Cacciatrice di Terroristi” è un bestseller internazionale pubblicato in molte nazioni: Usa, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Israele, Giappone e molte altre. Non è come il titolo potrebbe far supporre un thriller mozzafiato con appostamenti, sparatorie o inseguimenti. Niente di tutto ciò. Ma bensì è un dettagliato resoconto di giorni e notti, per settimane, per mesi, per anni passati a un tavolo e a un computer a fare ricerche d'archivio. Per questo motivo la lettura a tratti potrebbe risultare un po' pesante e noiosa, ma tranquilli cari lettori, è sempre emozionante e coinvolgente che si continua immersi nella lettura senza fatica fino alla fine. Ancora oggi questa autrice anonima è un importante esperta di terrorismo e vive sotto copertura. Grazie al suo lavoro da infiltrata ha consentito di individuare alcune cellule di terroristi islamici che per anni hanno prosperato in Occidente. Le sue indagini hanno permesso anche, di interrompere finanziamenti occulti alla rete del fondamentalismo estremista e reso possibile una delle grandi operazioni antiterrorismo. Spesso mi domando, dice l'autrice, perché non posso fare una vita normale? Tranquilla, divertirmi come fanno tutti? Invece di cacciarmi sempre nei guai?
Chi ha occasione di avere sotto le mani questo libro e ha curiosità di sapere sul terrorismo vi consiglio di immergervi in questa lettura di 430 pagine molto interessanti.

Angie