\\ Home Page : Articolo : Stampa
Beata ignoranza
Di Angie (del 18/06/2018 @ 05:00:00, in cinema, linkato 380 volte)
Titolo originale
Beata ignoranza
Produzione
Italia 2017
Regia
Massimiliano Bruno
Interpreti
Marco Giallini, Alessandro Gassmann, Valeria Bilello, Carolina Crescentini, Teresa Romagnoli.
Durata
102

Ernesto (Marco Giallini) e Filippo (Alessandro Gassman) due professori di liceo si conoscono da una vita, ma non si vedono da 25 anni. A dividerli è stato l'amore per la stessa donna, Marianna (Carolina Crescentini), e la nascita di una figlia, Nina (interpretata da Teresa Romagnoli). Ora si sono ritrovati ad insegnare nello stesso liceo e nella stessa classe: uno insegna italiano e l'altro matematica. Sono molto diversi tra loro e si detestano per il modo di gestire il rapporto con le alte tecnologie. Il primo Ernesto, è austero e tradizionalista, orgogliosamente refrattario all'uso della rete. Il secondo, Filippo, è invece un allegro progressista, perennemente connesso al Web, vive di selfie, seduttore seriale di colleghe e studenti che adorano la sua spensieratezza. Ma la giovane Nina figlia di entrambi, padre Filippo e padre biologico di Ernesto, coinvolgerà i due amici-nemici in un esperimento: Filippo dovrà uscire dalla Rete ed Ernesto entrarci. Quando i ruoli vengono scambiati i due capiranno che c'è del buono in entrambi i modi di vivere e, che per affrontare la vita e rimanere a passo con i tempi è bene trovare un equilibrio tra le due realtà: la cultura e la rete.
Il regista Massimiliano Bruno, con questo romanzo di formazione di due uomini alle prese con le proprie responsabilità di padri ed educatori al tempo dei social network porta sullo schermo il suo quinto film: “Beata Ignoranza”.
Una commedia con protagonisti due grandi attori, Alessandro Gassman e Marco Giallini che hanno già lavorato insieme nel film “Se Dio vuole” (2015) di Eduardo Falcone. Il film ha ottenuto 3 candidature ai Nastri D'Argento per il miglior soggetto e attore protagonista (Gassman e Giallini) La commedia racconta le vicende di due nemici-amici insegnanti di liceo che si sfidano su una problematica attualissima: è giusto o no questa dipendenza dai social network? E noi come siamo come Giallini o come Gassman? Comunque siamo, il film ci porta a farci guardare allo specchio senza troppe pretese, rimorsi o rimpianti.
Che dire? L’ho trovata una pellicola divertente con protagonisti molto simpatici, nel raccontare una storia mescolata con dosi di sentimento e qualche sorriso intrattenendo lo spettatore in maniera gradevole, senza appesantire di troppa retorica. Inoltre, anche se può sembrare un filmetto da poco conto, se si analizza bene la trama affronta temi abbastanza interessanti con spunti di riflessioni come: il significato di amicizia e il concetto di padre e il suo ruolo. In conclusione se volete trascorrere due ore spensierate è il film ideale per voi giovani e adulti.

Angie